Imprese, Crif: Richieste rivalutazione crediti -2,5% nel 2017 Stampa E-mail

righiultima

Roma , 29 gennaio 2018. - Dopo un 2016 che aveva fatto segnare una performance positiva, con una crescita pari a +5,1% rispetto all’anno precedente, la rilevazione di Crif relativa all’intero 2017 mostra un ripiegamento del numero di richieste di valutazione e rivalutazione dei crediti presentate dalle imprese italiane, che fanno complessivamente segnare un -2,5% rispetto al 2016. Nello specifico, è proseguito anche nell'ultimo trimestre dell’anno il trend negativo già rilevato nei precedenti periodi di osservazione, con una contrazione in egual misura sia per il comparto delle società di capitali (-5%) sia per quello delle imprese individuali (-4,7%). Cala il numero di richieste di valutazione e rivalutazione dei crediti presentate dalle imprese italiane: nel 2017 registrano una flessione del 2,5% rispetto al 2016 che aveva segnato una performance positiva, con una crescita pari al 5,1% rispetto al 2015. È quanto emerge dalla rilevazione di Crif condotta sulla base del patrimonio informativo di Eurisc - il Sistema di Informazioni Creditizie che raccoglie i dati relativi a oltre 85 milioni di posizioni creditizie, di cui oltre 9 milioni riconducibili a imprese. Le imprese individuali, che per altro rappresentano la quota numericamente preponderante, hanno fatto segnare un calo più lieve (-1,3%) rispetto a quello delle società di capitali (-3,3%). È proseguito anche nell'ultimo trimestre dell'anno il trend negativo già rilevato nei precedenti periodi di osservazione, che vede in contrazione in egual misura sia il comparto delle società di capitali (-5%) sia quello delle imprese individuali (-4,7%). Una dinamica che va però interpretata tenendo conto della significativa contrazione delle richieste di

rivalutazione dei vecchi rapporti di credito mentre, nel complesso, si registra una buona tenuta dei nuovi crediti richiesti dalle imprese seppur con differenze non trascurabili tra i diversi territori e settori. Cala anche l'importo medio richiesto, che a livello di intero anno 2017 si attesta a 72.737 euro (-8,4% rispetto al 2016). Nel dettaglio, si osser compensare del tutto la flessione pari all'8,6% dell'importo richiesto dalle società di capitali, che si attesta a 99.870 euro vano trend opposti, con le imprese individuali che hanno mediamente richiesto 32.993 euro, facendo segnare una crescita del 3,3% rispetto all'anno precedente che tuttavia non riesce a.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

 
FIAIP

Proprietà: Fiaip regionale della Campania

Direttore Editoriale Mario Condò de Satriano.
Periodico registrato presso il Tribunale di Napoli con decreto del 5/3/2012 N° Aut. 14 .

Sede Legale: Via Cimarosa, 84 - 80127 - Napoli - Tel 081/5562829 - P. Iva 95095160651

Le Foto presenti su Immobilnews.it sono state in parte prese da Internet, quindi valutate di dominio pubblico.
Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario, potranno segnalarcelo all'indirizzo mail: redazione@immobilnews.it

Privacy & Policy

© 2011-2016 - FIAIP Regione Campania

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi, contenuti personalizzati e pubblicità. Per saperne di più sui cookies che utilizziamo, vedere la seguente Informativa sui cookies.

Accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information