Edilizia, 9.000 posti lavoro persi a Torino dal 2008 Stampa E-mail

righiultima

Roma , 20 novembre 2017. - Oltre 9.000 posti di lavoro persi dal 2008 in provincia di Torino - gli iscritti alla cassa edile sono la metà, da 18.376 a 9.184 - e 1.880 aziende chiuse. Lanciano un nuovo allarme i sindacati del settore edile, che hanno organizzato un sit in davanti alla sede Ance a Torino, in vista dello sciopero nazionale del 18 dicembre per il rinnovo del contratto nazionale scaduto da più di un anno. "Il settore - spiegano Marco Bosio (Fillea Cgil) Gerlando Castelli (Filca Cisl) e Claudio Papa (Feneal Uil)-

è sempre più in crisi. Il mancato rinnovo del contratto per 1 milione e mezzo di dipendenti in Italia contribuisce a danneggiare i lavoratori. Oltre all'aumento salariale, chiediamo il contratto di cantiere contro il dumping contrattuale di aziende che lavorano irregolarmente, facendo uso di lavoro nero o di contratti non edili (con minori tutele). Si stimano, in provincia di Torino, 3.000 lavoratori in nero e 4.200 con contratti non edili (metalmeccanici, multiservizi, terziario, florivivaisti)".

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

 
FIAIP

Proprietà: Fiaip regionale della Campania

Direttore Editoriale Mario Condò de Satriano.
Periodico registrato presso il Tribunale di Napoli con decreto del 5/3/2012 N° Aut. 14 .

Sede Legale: Via Cimarosa, 84 - 80127 - Napoli - Tel 081/5562829 - P. Iva 95095160651

Le Foto presenti su Immobilnews.it sono state in parte prese da Internet, quindi valutate di dominio pubblico.
Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario, potranno segnalarcelo all'indirizzo mail: redazione@immobilnews.it

Privacy & Policy

© 2011-2016 - FIAIP Regione Campania

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi, contenuti personalizzati e pubblicità. Per saperne di più sui cookies che utilizziamo, vedere la seguente Informativa sui cookies.

Accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information