Economia. Arriva la proposta dell'istituzione del "Fondo Patrimoniale Banche" in aiuto degli istituti in difficoltà Stampa E-mail

righiultima

Roma , 13 luglio 2017. - Istituire il "Fondo patrimonio Italia" in grado di investire, con specifiche modalità e su richiesta degli istituti di credito in difficoltà, negli immobili oggetto di espropriazione forzata che sono posti a garanzia dei crediti deteriorati, in alternativa ai salvataggi da parte dello Stato. Lo prevede una proposta di legge presentata alla Camera da Fabrizio Di Stefano di Forza Italia. Dotato con cinquecento milioni all'anno per tre anni, Il fondo servirà a tutelare i soggetti economicamente o socialmente deboli dal rischio di perdere la disponibilità dell'abitazione o dell'immobile commerciale nel quale è esercitata un'attività professionale fondamentale per il sostentamento della persona

e del nucleo familiare e che sarebbe posto all'asta dalla banca per recuperare i crediti deteriorati. Il fondo potrà concedere in locazione a canone agevolato le unità immobiliari acquistate. "Sarebbe un modo - spiega Di Stefano - per dare allo Stato una garanzia sugli interventi a sostegno delle banche in difficoltà, ma anche per evitare il disagio ai proprietari degli immobili, che diversamente finirebbero all'asta".

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

 
FIAIP

Proprietà: Fiaip regionale della Campania

Direttore Editoriale Mario Condò de Satriano.
Periodico registrato presso il Tribunale di Napoli con decreto del 5/3/2012 N° Aut. 14 .

Sede Legale: Via Cimarosa, 84 - 80127 - Napoli - Tel 081/5562829 - P. Iva 95095160651

Le Foto presenti su Immobilnews.it sono state in parte prese da Internet, quindi valutate di dominio pubblico.
Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario, potranno segnalarcelo all'indirizzo mail: redazione@immobilnews.it

Privacy & Policy

© 2011-2016 - FIAIP Regione Campania

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi, contenuti personalizzati e pubblicità. Per saperne di più sui cookies che utilizziamo, vedere la seguente Informativa sui cookies.

Accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information