Casa. Arriva la mappa dei rischi per gli edifici consultabile online Stampa E-mail

righiultima

Roma , 29 giugno 2017. - Una mappa dei rischi per le case dei comuni italiani è online sul sito dell'Istat. In essa è possibile inserire: "gli elementi di pericolosità, la vulnerabilità degli edifici e quante persone sono soggette a rischio", e che sia "comprensibile ed accessibile per il cittadino". E' il progetto illustrato dal coordinatore di Casa Italia (l'iniziativa governativa per la ricostruzione delle aree colpite dal sisma del 2016 nell'Italia centrale) Giovanni Azzone, al 62mo congresso degli ingegneri, ad Assisi. "Stiamo verificando - aggiunge - se riusciamo a presentare" questo indice "prima dell'estate, o subito dopo l'estate". Il coordinatore di Casa Italia spiega, a proposito della "mappa dei rischi dei comuni" della Penisola su cui si stanno "facendo dei beta-test" prima della messa in rete nelle prossime settimane, che "l'Istat ha coordinato il lavoro delle diverse amministrazioni che già oggi hanno informazioni" relative alla vulnerabilità non solo sismica, ma anche idrogeologica, come "Ispra (l'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale) e Ingv (l'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia)". Si tratta, riferisce Azzone, di "un sistema sostanzialmente geo-referenziato: io, ad esempio, posso selezionare il mio comune e capirne il livello di pericolosità", avendo a disposizione "una scheda che riassuma tutte le informazioni" e essendo in grado di effettuare "confronti con i comuni limitrofi, con le medie regionali e nazionali. Scendiamo, dunque, a livello di comune per cominciare a dare un'idea di consapevolezza" sui rischi. Lo strumento "sarà online sul sito dell'Istat, poi - continua - il singolo comune potrà aggiungere dei link sul proprio sito e tutte le informazioni saranno

scaricabili". Azzone, infine, esprime un desiderio: "Vorremmo che questa diventasse materia di studio nelle scuole primarie, così che i bambini potessero studiare la scheda del proprio comune", andando poi "a verificare le sorgenti di rischio reale" del territorio, ad esempio "quali sono le possibili frane, quali sono i fiumi che possono generare alluvioni. E, infine - conclude - capire quali interventi si stanno facendo" per la messa in sicurezza.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

 
FIAIP

Proprietà: Fiaip regionale della Campania

Direttore Editoriale Mario Condò de Satriano.
Periodico registrato presso il Tribunale di Napoli con decreto del 5/3/2012 N° Aut. 14 .

Sede Legale: Via Cimarosa, 84 - 80127 - Napoli - Tel 081/5562829 - P. Iva 95095160651

Le Foto presenti su Immobilnews.it sono state in parte prese da Internet, quindi valutate di dominio pubblico.
Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario, potranno segnalarcelo all'indirizzo mail: redazione@immobilnews.it

Privacy & Policy

© 2011-2016 - FIAIP Regione Campania

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi, contenuti personalizzati e pubblicità. Per saperne di più sui cookies che utilizziamo, vedere la seguente Informativa sui cookies.

Accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information