L’Europa guarda in casa dell’Italia e ripropone l’introduzione della tassa sulla prima casa per i redditi più elevati. Stampa E-mail

righiultima

Roma , 22 maggio 2017. - Una proposta che ha lanciato su tutte le furie la maggior parte degli esponenti del settore immobiliare e, ovviamente, del mondo politico. Ecco perché fioccano le dichiarazioni su questo scottante argomento. Il primo a prendere la parola è il presidente di Confedilizia Giorgio Spaziani Testa: "La Commissione europea - in occasione della diffusione delle sue raccomandazioni all'Italia - è tornata a criticare la scelta del Governo Renzi di eliminare la tassa sulla prima casa, suggerendo di reintrodurla per le famiglie con redditi elevati. Che dire? È davvero un peccato che, da un'istituzione che impiega 33.000 dipendenti, non possa mai giungere un'analisi un po’ più ragionata delle politiche tributarie. Tra l'altro, chissà se la Commissione sa che sulle prime case che il Fisco considera di lusso (pur se sovente non lo sono), di tasse se ne pagano ancora addirittura due: l'Imu e la Tasi. In ogni caso, se proprio la Commissione Ue ritiene di dover commentare le scelte di politica fiscale dei singoli Governi e Parlamenti dell'Unione (cosa che non è affatto scontato che debba fare), è mai possibile che non trovi - fra quei 33.000 dipendenti - un giovane laureato in grado di approfondire il tema dell'imposizione immobiliare e dei riflessi di questa sull'economia? Lo si cerchi e lo si incarichi di studiare il tema - aggiunge -. A una condizione, pero': che non gli si diano direttive politiche. I risultati - se questa condizione venisse rispettata - sarebbero interessanti. Si scoprirebbe, anzitutto, che non ha il minimo fondamento la tesi, che le istituzioni internazionali si rimbalzano a vicenda e che la Commissione copia e incolla anche oggi, secondo la quale le imposte sugli immobili sarebbero meno dannose per la crescita rispetto alle altre. E si apprenderebbe - analizzando il caso italiano - che sono incalcolabili i danni causati all'intero Paese dallo spropositato aumento della tassazione immobiliare iniziato con il 2012 - conclude Spaziani Testa -. Le raccomandazioni Ue che ne seguirebbero, c'è da giurarci, sarebbero ben diverse da quelle che abbiamo letto oggi. Non si soffermerebbero sulla diminuzione di 3 miliardi e mezzo di euro (Tasi prima casa) di un carico tributario annuale aumentato di 15 miliardi su tutti gli immobili. Si occuperebbero dell'imposizione immobiliare nel suo complesso e ne chiederebbero la riduzione. Per favorire la crescita”.
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

 
FIAIP

Proprietà: Fiaip regionale della Campania

Direttore Editoriale Mario Condò de Satriano.
Periodico registrato presso il Tribunale di Napoli con decreto del 5/3/2012 N° Aut. 14 .

Sede Legale: Via Cimarosa, 84 - 80127 - Napoli - Tel 081/5562829 - P. Iva 95095160651

Le Foto presenti su Immobilnews.it sono state in parte prese da Internet, quindi valutate di dominio pubblico.
Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario, potranno segnalarcelo all'indirizzo mail: redazione@immobilnews.it

Privacy & Policy

© 2011-2016 - FIAIP Regione Campania

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi, contenuti personalizzati e pubblicità. Per saperne di più sui cookies che utilizziamo, vedere la seguente Informativa sui cookies.

Accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information