In Italia il ‘peso’ della tassazione è più elevato delle stime ufficiali: secondo uno studio del Consiglio e della Fondazione nazionale dei commercialisti, infatti, “la pressione fiscale è più alta del 5,8% di quella reale (42,4%)” superando il 48%. E ciò fa del nostro “il Paese più tartassato d’Europa”.
Dopo 5 anni di cali, nel 2019 c’è stato un aumento della pressione di 0,7 punti sottolineano i commercialisti. Tuttavia escludendo il sommerso e l’illegale stimati come il 12% del Pil, gli oneri da tassazione raggiungono il 48,2, superando di 5,8% il dato ufficiale. Secondo l’indicatore Ocse l’Italia è fra le più tassate d’Europa: al terzo posto per dipendente single con il 48% e al primo posto per dipendente sposato con due figli con il 39,2%”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui