Nel cuore di Altamura, nei pressi di un’antica cava dove nel secondo dopoguerra sorgeva un piccolo mulino, si trova Oro Bianco, nuovo complesso residenziale di dieci appartamenti e due locali commerciali il cui nome rievoca la farina che si macinava lì un tempo, in via Filangieri. Un connubio concettuale perfetto tra arte molitoria ed edilizia che rammenta il candore della malta, del tufo e della calce.

Immerso nel territorio murgiano, Oro Bianco è un innovativo progetto di bioedilizia green che coniuga tecnologia e sostenibilità. Si tratta del primo giardino verticale del Sud Italia: una facciata completamente ricoperta da vegetazione, concepita come vera opera d’arte.

Oltre a dare un piacevole impatto estetico le piante poste sull’edificio assorbono anidride carbonica dall’atmosfera e raggi,UV, garantendo la termoregolazione della struttura e impediscono la perdita di calore durante le ore notturne ottimizzando il risparmio energetico.

Melograno, cactus, mirto, edera e timo ornano il prospetto green di Oro Bianco

Lo sviluppo verticale del verde urbano si concretizza in un’oculata scelta delle specie e varietà ornamentali che ben si adattano al clima del luogo, spesso caratterizzato da siccità; per questo si è optato per piante xerofite, come il cactus. Il giardino è esposto a Nord Est e arreda con piante di melograno, alloro, corbezzolo, Rhamnus, mirto e viburno tino il prospetto principale, sfruttando la luminosità delle parti alte dell’edificato. Non mancano poi piante ricadenti e rampicanti quali edere, vinca e il drosanthemum, posto nei punti più riparati dal vento freddo di tramontana e nelle parti più soleggiate del prospetto edilizio. Sono presenti anche essenze vegetali a sviluppo orizzontale come il loropetalum nelle sue diverse forme cromatiche, la gaura, la poligala e piante aromatiche quali il rosmarino e il timo.

Oro Bianco è stato realizzato da Edil Pepe, https://edilpepe.com/, impresa altamurana che con il suo affermato brand di lusso, Lusseri, ha già presentato nei mesi scorsi il progetto innovativo di bioedilizia dei casali murgesi hi-tech a impatto zero nel cuore di Matera.

“Attraverso il progetto di Oro Bianco – afferma Antonio Pepe che, prima di fondare l’azienda Edil Pepe è stato agente immobiliare e consulente energetico per l’edilizia – miriamo a favorire la rigenerazione e forestazione urbana attraverso l’innovazione e la sostenibilità ambientale, valorizzando al contempo la tradizione dell’arte molitoria della nostra terra”.

Pavimenti in legno pregiato, selezione di materie prime nobili e finiture di lusso

L’assoluta cura e selezione delle materie prime nobili, provenienti da legni di riforestazione altamente selezionati e lavorati con accuratezza negli stabilimenti di Sudhlon, nella regione dell’alta Renania a confine con i Paesi Bassi, conferiscono ai parquet delle abitazioni di Oro Bianco un elevato valore emozionale. In particolare, la linea Bennet & Jonnes utilizzata nelle pertinenze comuni, androni e ingresso, evidenzia naturalezza e carattere con la presenza di cretti, venature e nodi, dettagli resi più vividi grazie al particolare olio di finitura. Un vero e proprio “Blend” che coniuga pietra e legno e impreziosisce l’ingresso di Oro Bianco.

Il sistema di illuminazione dell’interno scala esalta i dettagli delle finiture di pregio grazie alla presenza di un lampadario realizzato con oro 24 carati, porcellana, vetro di murano, cristallo e ottone che testimonia unicità alla costruzione e riflette lo status di chi ci abita l’edificio.

BeS e P55 a favore di sostenibilità ambientale e ridotto consumo energetico

I dieci appartamenti del giardino verticale possiedono il nome dei grani coltivati in terra murgiana: Duilio, Simeto, Arcangelo, Appulo (che sono quelli con cui si produce il famoso pane Dop), insieme ad altre varietà note in Puglia e in altre zone del Mezzogiorno come Creso, Maiorca, Timilia, Arso, Saragolla, e senatore Cappelli.

Edil Pepe, è ideatrice di BeS (Benessere e Salute), un’attestazione rilasciata sulla base delle certificazioni fornite dalle aziende che producono i materiali e i prodotti utilizzati durante la costruzione.Tale attestazione permette al cliente finale, ovvero nel caso specifico chi abiterà gli appartamenti di Oro Bianco, di avere la massima garanzia e la massima trasparenza sugli effetti che tutte le componenti edilizie hanno su chi occupa l’abitazione per preservarne la salute e il benessere.

L’impresa edile altamurana, inoltre, ha messo a punto P55, un particolare e innovativo sistema di muratura stratificata di 55 cm, realizzato con sette strati composti da intonaco di calce, gesso e blocchi di Tufo di Montescaglioso. Si tratta di una tecnica che rappresenta un connubio fra tradizione e modernità poiché si avvale di una pratica di realizzazione antica che punta a dare spessore alle pareti (rendendole di 56 cm, contro la media odierna di 35/40 cm) potenziata con il moderno processo di stratificazione delle pareti con materiali isolanti. L’uso del P55 permette all’edificio di ottenere una serie di vantaggi come, ad esempio, bassa dispersione e ridotto consumo energetico con risparmio su bollette, alta durabilità nel tempo, isolamento acustico, massimo comfort abitativo, benessere termo-igrometrico, alta resistenza al sisma e alta traspirabilità.

Bio pittura e domotica di ultima generazione per una smart home del futuro

Le pareti interne di Oro Bianco sono rivestite da una pittura minerale bio, a basso impatto ambientale, realizzata con materiali naturali che è completamente atossica, anallergica e ignifuga.

Tra le tecnologie presenti si annovera il fotovoltaico, tecnologia a basso costo di manutenzione, fondamentale per ottenere un incremento di energia fino al 25% in più.
Gli impianti di domotica di cui dispone Oro Bianco sono di ultima generazione e permettono di controllare e gestire gli spazi domestici con grande semplicità, attraverso l’utilizzo di un dispositivo da cui si può controllare il flusso di informazioni in ogni momento anche da remoto, utilizzando un qualsiasi dispositivo mobile.

La domotica dell’edificio disegna su misura il controllo degli impianti adattandolo a ogni esigenza. Grazie alle sue funzionalità è infatti in grado di essere facilmente utilizzato anche dagli anziani, dagli utenti meno tecnologici e dalle persone diversamente abili.
Il sistema prevede modalità di comando analogiche attraverso la tastiera e offre la possibilità di attivare comandi speciali, come le conferme vocali di accensione o spegnimento utili per le persone ipovedenti e gli indicatori luminosi, per facilitarne l’utilizzo ai non udenti.

Edil Pepe con il progetto Oro Bianco ha ricevuto l’attestazione di merito dall’associazione ambientalista Fare Verde https://www.fareverde.it/ per aver costruito il primo edificio con facciata verde in Puglia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui