Nel primo trimestre 2020 i prezzi delle abitazioni sono aumentati dello 0,9% rispetto al trimestre precedente e dell’1,7% nei confronti dello stesso periodo del 2019 (era +0,2% nel quarto trimestre 2019). Lo rende noto l’Istat sottolineando che l’aumento tendenziale è il più ampio dal secondo trimestre 2011.
Questi andamenti si manifestano però “in un contesto di brusco calo” dei volumi di compravendita (-15,5% la variazione tendenziale registrata dall’Osservatorio del mercato immobiliare dell’Agenzia delle Entrate) “imputabile – spiega l’Istat – alle misure adottate per il contenimento della Covid-19 che hanno drasticamente limitato la possibilità di stipulare i rogiti notarili, determinando una forte flessione delle transazioni a partire dal mese di marzo”.
La divaricazione tra prezzi (in aumento) e volum i (in forte calo) testimonia come le misure restrittive introdotte, sebbene già in vigore a marzo, non abbiano avuto alcun impatto apprezzabile sulle quotazioni degli immobili residenziali registrate nel primo trimestre, che si riferiscono, anche per il mese finale, al perfezionamento di contratti di compravendita a condizioni stabilite prima dell’emergenza sanitaria. Solo con i dati del secondo trimestre e di quelli successivi, sottolinea l’Istituto, “sarà possibile valutare se la crisi economica derivante dall’emergenza sanitaria indurrà eventuali cambiamenti nelle tendenze dei prezzi”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui