Il mercato immobiliare prende fiato. L’Osservatorio Mutui di MutuiOnline.it ha avuto modo di rilevare che le richieste di mutui per l’acquisto della prima casa sono fortunatamente cresciute dopo il periodo di lockdown. I bassi livelli raggiunti dai tassi di interesse spingono i mutuatari a richiedere sostituzioni e surroghe di mutui.
Le banche si stanno sfidando a colpi di offerte per accaparrarsi il mutuatario dell’altro. Il panorama in questo momento è positivo, lo dimostra l’elevata quota di erogato con finalità sostituzione e surroghe registrato nel trimestre a maggio.

Scegliere il tasso fisso è sicuramente più conveniente ma l’altalena con il tasso variabile continua. Gli italiani per non avere sorprese in futuro preferiscono sapere oggi l’importo della rata futura. Non fidandosi degli andamenti dei mercati la scelta sulla rata di mutuo a tasso fisso resta un pilastro del mutuo da scegliere.
Sono anche i numeri a dirlo: le richieste di mutuo sono state stipulate a tasso fisso per il 95%. Con questo andamento favorevole c’è anche la volontà a chiedere finanziamenti ipotecari con una durata più lunga. Si va dai 25 ai 30 anni. Solo in pochi si permettono un mutuo a media e breve durata. L’importo medio della richiesta è di 138mila euro.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui