Lo scorso 16 giugno c’è stata la stangata d’estate per i possessori di immobili diversi dalla prima casa. Chi, causa coronavirus o altri problemi economici, non è riuscito a onorare l’impegno può mettersi in regola con il ravvedimento operoso che vede diverse sanzioni a seconda del tempo intercorso tra la scadenza Imu 2020 e il pagamento di quanto dovuto.
Il ravvedimento operoso per l’Imu si divide in
ravvedimento sprint o super breve: effettuato entro 14 giorni dalla scadenza prevista, con una sanzione dello 0,1% pari a 1/10 di quella ordinaria dell’1% per ogni giorno di ritardo.
ravvedimento breve: se si provvede al pagamento entro 30 giorni dalla scadenza Imu 2020 con una sanzione pari all’1,5% dell’importo dovuto
ravvedimento medio: entro 90 giorni dalla scadenza dell’Imu 2020 con una sanzione dell’1,67%
ravvedimento lungo: oltre i 90 giorni ed entro un anno con una sanzione del 3,75%

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui